Cosa succederebbe se Duke Ellington suonasse alla festa patronale di Jato? Lo racconta Vittorio Bongiorno nel libro “Il duka in Sicilia”

Duke Ellington Duka in Sicilia: il libro di Vittorio Bongiorno

IL DUKA IN SICILIA, di VITTORIO BONGIORNO

  • EINAUDI, 2011
  • 213 pagine – 17,00 euro

È il 1970. A Jato, paesino sperduto nella più profonda campagna siciliana, non succede mai niente. L’unico evento è la festa annuale del patrono, San Calogero, il “santo negro”: ma anche quella rischia di finire, se la Curia chiuderà la chiesetta del paese. Finché si diffonde una notizia inaudita: proprio lì a Jato, alla festa del santo, suonerà nientemeno che Duke Ellington.

L’arrivo del “Duka” mette tutti in fibrillazione: forse lui salverà la festa, o l’intero paese, forse anche lui è un “santo negro” che porterà una nuova speranza per tutti. Sullo sfondo, si intrecciano le storie di fratelli nemici, impresari imbroglioni, scalcinati suonatori di banda. E del protagonista Rosario, detto “Roy”, che se n’è andato anni prima per fare il musicista di jazz e ora, tornato per il funerale del padre, si ritrova a rimettere insieme i pezzi della propria vita.

In una Sicilia divisa tra l’arcaico immobilismo della tradizione e i fermenti della modernità che si fanno strada a fatica, Bongiorno racconta il tutto con stile efficace, ravvivato da inserti di dialetto, facendo della vicenda una metafora della potenza mitopoietica del jazz. (SP)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *