Registrato in una sola giornata, “Fingerprints”, di Daniele D’Agaro, Alexander von Schlippenbach e Han Bennink, è basato quasi interamente sull’improvvisazione 

Daniele D’Agaro - Alexander von Schlippenbach - Han Bennink FINGERPRINTS

Daniele D’Agaro – Alexander von Schlippenbach – Han Bennink

FINGERPRINTS

  • ARTESUONO, 2010 (EGEA)

L’incontro tra i due caposcuola dell’improvvisazione europea – il pianista Alexander von Schlippenbach e il batterista Han Bennink – e il sassofonista e clarinettista friulano Daniele D’Agaro è un’ottima prova d’autore per ispirazione, tecnica e potenza espressiva. Ripresa in una sola giornata di registrazione, la session è basata quasi interamente sull’improvvisazione collettiva. Fa eccezione solo Every Cloud, brano composto da Herbie Nichols.

E in tema di improvvisazione, scopri anche il manuale giusto per imparare.